Frasi e aforismi di William Shakespeare

In onore del 400° anniversario della morte di William Shakespeare, abbiamo raccolto le citazioni più amate dei suoi 38 spettacoli.

Curiosamente, molte delle citazioni hanno un significato molto diverso nel contesto dal modo in cui sono spesso diffuse. La "grandezza" che Malvolio della Dodicesima Notte contempla nella lettera beffarda che legge si riferisce principalmente allo status sociale, non al coraggio o al successo.

Allo stesso modo, il commento di Elena che "l'amore non guarda con gli occhi, ma con la mente" è in contraddizione diretta con la sua situazione, in cui Demetrio l'ha lasciata per l'Ermia più bella.

Le citazioni sono divise quasi equamente tra commedie e tragedie, alcune frasi sono diventate famose recentemente, come il "Se ci pungi non sanguiniamo" di Shylock, dal mercante di Venezia.

O l'elogio di Giulietta a Romeo, reso particolarmente famoso dal tributo di Robert F. Kennedy al fratello ucciso alla convention democratica del 1964:

Quando egli morrà, prendilo e taglialo in piccole stelle,
ed egli renderà così belo il volto del cielo,
che tutto il mondo si innamorerà della bellezza della notte,
e non presterà più nessun culto all'abbagliante sole.

Ecco le frasi più famose di William Shakespeare:

Frasi d'amore

Per sempre e un giorno. (Come vi piace)

Chi mai amò che non abbia amato al primo sguardo? (Come vi piace)

Se l’amore è cieco tanto meglio: si accorda con la notte. (Romeo e Giulietta)

Amami o odiami, entrambi sono a mio favore. Se mi ami, sarò sempre nel tuo cuore… se mi odi, sarò sempre nella tua mente.
(Sogno di una notte di mezza estate)

L’amore non guarda con gli occhi, ma con l’anima. (Sogno di una notte di mezza estate)

Dubita che le stelle siano fuoco, dubita che il sole si muova, dubita che la verità sia mentitrice, ma non dubitare mai del mio amore.
(Amleto)

Con le ali dell’amore ho volato oltre le mura, perché non si possono mettere limiti all’amore e ciò che amor vuole amore osa. (Romeo e Giulietta)

Il colpo della morte è come il morso dell’amante: fa male e si desidera. (Antonio e Cleopatra)

Il corso di un vero amore non è mai andato liscio. (Sogno di una notte di mezza estate)

L’amore non guarda con gli occhi, ma con la mente e perciò l’alato Cupìdo viene dipinto cieco. (Sogno di una notte di mezza estate)

Parla piano, se parli d’amore.
(Molto rumore per nulla)

Ascolta la mia anima parlare. Nell’istante stesso in cui ti ho vista, il mio cuore ha volato al tuo servizio. (La tempesta)

Un amore crollato, ricostruito, cresce forte, grande più di prima. (Sonetto 119)

L’amore è un fumo che nasce dalla nebbia dei sospiri. (Romeo e Giulietta)

Se non ricordi che amore t’abbia mai fatto commettere la più piccola follia, allora non hai amato. (Come vi piace)

Ti seguirò, ovunque vai, e farò dell’inferno un paradiso se morirò per mano di chi adoro. (Sogno di una notte di mezza estate)

Questa è l’estasi dell’amore. (Amleto)

Ama tutti, credi a pochi e non far del male a nessuno. (Tutto è bene quel che finisce bene)

Il mio amore pesa più della mia lingua. (Re Lear)

Non posso esprimere il mio amore in modo più affettuoso che con questo affettuoso bacio. (Enrico VI)

Chi avrebbe potuto trattenersi, avendo un cuore per amare, e in quel cuore il coraggio per far conoscere il suo amore? (Macbeth)

Con un bacio, io muoio. (Romeo e Giulietta)

Oh, essa insegna alle torce come splendere! (Romeo e Giulietta) Love goes toward love. Amore va verso amore. (Romeo e Giulietta)

La mia generosità è come il mare e non ha confini, e il mio amore è altrettanto profondo. Più te ne do più ne ho per me, perché entrambi sono infiniti. (Romeo e Giulietta)

Amore non è amore se muta quando scopre un mutamento o tende a svanire quando l’altro s’allontana. (Sonetto 116)

Ma l’amore è cieco, e gli amanti non possono vedere le scaltre follie che essi stessi commettono. (Il mercante di Venezia)

Una metà di me è vostra, l’altra metà è ancor essa vostra. Vorrei poterla dir mia. Ma se è mia, ne consegue che è vostra. E così è tutto vostro! (Il mercante di Venezia)

L’amore dei giovani non sta nel cuore, ma negli occhi. (Romeo e Giulietta)

Il pazzo, l’amante e il poeta non sono composti che di fantasia. (Sogno di una notte di mezza estate)

Vi amo tanto con tutto il cuore che non me ne resta per dichiararvelo. (Molto rumore per nulla)

L’amore è una tenera cosa? È troppo rude, troppo brutale, troppo aspro e punge come una spina. (Romeo e Giulietta)

Vedo sul tuo volto. la mappa dell’onore, della verità, della lealtà. (Enrico VI)

Ti prego, non innamorarti di me. Sono più falso delle promesse fatte nel vino, E poi non mi piaci. (Come vi piace)

Tale è il mio amore, così t’appartengo che per darti valor m’addosso il peggio. (Sonetto 88)

L’amore è troppo giovane per sapere cos’è la coscienza. (Sonetto 151)

Se la musica è il cibo dell’amore, continuate a suonare. (La dodicesima notte)

Ama, ama follemente, ama più che puoi e se ti dicono che è peccato ama il tuo peccato e sarai innocente. (Romeo e Giulietta)

Quando egli morrà, prendilo e taglialo in piccole stelle, ed egli renderà così belo il volto del cielo, che tutto il mondo si innamorerà della bellezza della notte, e non presterà più nessun culto all’abbagliante sole.
(Romeo e Giulietta)

Se per baciarti...

Se per baciarti dovessi poi andare all'inferno, lo farei. Così potrò poi vantarmi con i diavoli di aver visto il paradiso senza mai entrarci.

(Citazione apocrifa, falsamente attribuita a Shakespeare)

Frasi sull'amicizia

I miei amici, quelli che possono aspirare alla mia fiducia,non vivono qui. Essi sono,come ogni altro mio conforto, lontani, nella mia terra natale signori miei.
(Enrico VIII)

Ama tutti, fidati di pochi, non fare torto a nessuno (Amleto)

Tu trami ai danni d'un amico se, sapendo che ha ricevuto un torto,fai il suo orecchio estraneo ai tuoi pensieri. (Otello)

  • Polonio: mio signore, li tratterò per i loro meriti.
  • Amleto: molto meglio ,per Dio! dovrete trattarli meglio, perché se si trattasse ognuno come merita,chi potrebbe evitare le frustate? (Amleto)

Un amico dovrebbe sorreggere le infermità, ma Bruto fa la mie più grandi di quanto già siano.
(Giulio Cesare)

Quegli amici che hai e la cui amicizia hai messo alla prova, aggrappali alla tua anima con uncini d’acciaio.
(Amleto)

Quando nel dolore si hanno compagni che lo condividono, l’animo può superare molte sofferenze. (Re Lear)

Altre citazioni famose

Buonanotte, buonanotte! Separarsi è un sì dolce dolore, che dirò buonanotte finché non sarà mattino.
(Romeo e Giulietta)

Ma tu chi sei che avanzando nel buio della notte inciampi nei miei più segreti pensieri?
(Romeo e Giulietta)

Io considero il mondo per quello che è: un palcoscenico dove ognuno deve recitare la sua parte.
(Il mercante di Venezia)

Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi.
(Re Lear)

Ama, ama follemente, ama più che puoi e se ti dicono che è peccato ama il tuo peccato e sarai innocente.
(Romeo e Giulietta)

Quando non sarai più parte di me ritaglierò dal tuo ricordo tante piccole stelle, allora il cielo sarà così bello
che tutto il mondo si innamorerà della notte.
(Romeo e Giulietta)

Siamo fatti della materia di cui son fatti i sogni; e nello spazio e nel tempo d’un sogno è racchiusa la nostra breve vita.
(La tempesta)

Potrei essere rinchiuso in un guscio di noce e tuttavia ritenermi Re di uno spazio infinito, se non fosse che faccio brutti sogni.
(Amleto)

Rinuncia al tuo potere di attrarmi ed io rinuncerò alla mia volontà di seguirti.
(Sogno di una notte di mezza estate)

Se sapessi scrivere la bellezza dei tuoi occhi.
E cantare in nuovi metri tutte le tue grazie,
il futuro direbbe: questo poeta mente;
Mai un volto sulla terra ebbe tratti così celesti.
(Sonetto 17)

Non desidero una rosa a Natale più di quanto possa desiderar la neve a maggio: d’ogni cosa mi piace che maturi quand’è la sua stagione.
(Pene d’amore perdute)

È tutta colpa della luna, quando si avvicina troppo alla terra fa impazzire tutti.
(Otello)

Il pazzo, l’amante e il poeta non sono composti che di fantasia.
(Sogno di una notte di mezza estate)

Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere.
(Amleto)

La vita è un’ombra che cammina, un povero attore che si agita e pavoneggia la sua ora sul palco e poi non se ne sa più niente. È un racconto narrato da un idiota, pieno di strepiti e furore, significante niente.
(Macbeth)

– Polonio: “Che cosa state leggendo, mio signore?”
– Amleto: “Parole, parole, parole”.
(Amleto)

Date parole al vostro dolore altrimenti il vostro cuore si spezza.
(Macbeth)

Amami o odiami, entrambi sono a mio favore.
Se mi ami, sarò sempre nel tuo cuore,
se mi odi, sarò sempre nella tua mente.
(Sogno di una notte di mezza estate)

Ride delle cicatrici colui che non è mai stato ferito.
(Romeo e Giulietta)

Folle è l’uomo che parla alla luna. Stolto chi non le presta ascolto.
(Romeo e Giulietta)

Ci son più cose in cielo e in terra, Orazio, che non sogni la tua filosofia.
(Amleto)

L’amore fugge come un’ombra l’amore reale che l’insegue, inseguendo chi lo fugge, fuggendo chi l’insegue
(Le allegre comari di Windsor)

Tutti gli uomini sanno dare consigli e conforto al dolore che non provano.
(Molto rumore per nulla)

Tutti i giorni son notti per me, finché io non ti vedo, e giorni luminosi son le notti quando mi appari in sogno.
(Sonetto 43)

L’amore guarda non con gli occhi ma con l’anima.
(Sogno di una notte di mezza estate)

Guarda come appoggia la guancia alla sua mano: Oh, potessi essere io il guanto di quella mano e poter così sfiorare quella guancia!
(Romeo e Giulietta)

Che cosa c’è in un nome? Ciò che noi chiamiamo con il nome di rosa, anche se lo chiamassimo con un altro nome, serberebbe pur sempre lo stesso dolce profumo.
(Romeo e Giulietta)

Attraverso le vesti stracciate si mostrano i vizi minori: gli abiti da cerimonia e le pellicce li nascondono tutti.
(Re Lear)

Sei tu la parte migliore di me stesso, il limpido specchio dei miei occhi, il profondo del cuore, il nutrimento, la fortuna, l’oggetto di ogni mia speranza, il solo cielo della mia terra, il paradiso cui aspiro.
(Sonetto 39)

D’ora in avanti tu chiamami “Amore”, ed io sarò per te non più Romeo, perché m’avrai così ribattezzato.
(Romeo e Giulietta)

Dubita che le stelle siano fuoco;
dubita che il sole si muova;
dubita che la verità sia mentitrice:
ma non dubitare mai del mio amore.
(Amleto)

Finché possiamo dire: “quest’è il peggio”, vuol dir che il peggio ancora può venire.
(Re Lear)

Ama tutti, credi a pochi e non far del male a nessuno.
(Amleto)

Non c’è mai stato un filosofo che potesse sopportare pazientemente il mal di denti.
(Molto rumore per nulla)

Se non ricordi che Amore t’abbia mai fatto commettere la più piccola follia, allora non hai amato.
(Come vi piace)

La fortuna guida dentro il porto anche navi senza guida.
(Cimbelino)

Vivi per essere la meraviglia e l’ammirazione del tuo tempo.
(Macbeth)

Quegli amici che hai e la cui amicizia hai messo alla prova, aggrappali alla tua anima con uncini d’acciaio.
(Amleto)

Quando è vero amore, anche il più banale dei sospetti incute paura; e se la paura cresce l’amore lo segue avvampando impetuosamente.

E qualsiasi angoscia che adesso sembra mortale, in confronto al perderti, non sembrerà uguale.
(Sonetto 90)

Essere o non essere, questo è il problema. È forse più nobile soffrire, nell’intimo del proprio spirito, le pietre e i dardi scagliati dall’oltraggiosa fortuna, o imbracciar l’armi, invece, contro il mare delle afflizioni, e combattendo contro di esse metter loro una fine? Morire per dormire. Nient’altro. E con quel sonno poter calmare i dolorosi battiti del cuore, e le mille offese naturali di cui è erede la carne! Quest’è una conclusione da desiderarsi devotamente. Morire per dormire. Dormire, forse sognare. È proprio qui l’ostacolo; perché in quel sonno di morte, tutti i sogni che possan sopraggiungere quando noi ci siamo liberati dal tumulto, dal viluppo di questa vita mortale, dovranno indurci a riflettere. È proprio questo scrupolo a dare alla sventura una vita così lunga! Perché, chi sarebbe capace di sopportare le frustate e le irrisioni del secolo, i torti dell’oppressore, gli oltraggi dei superbi, le sofferenze dell’amore non corrisposto, gli indugi della legge, l’insolenza dei potenti e lo scherno che il merito paziente riceve dagli indegni, se potesse egli stesso dare a se stesso la propria quietanza con un nudo pugnale?
(Amleto)

Basta una stilla di male per gettare un’ombra infamante su qualunque virtù.
(Amleto)

Le gioie violente hanno violenta fine, e muoiono nel loro trionfo, come il fuoco e la polvere da sparo, che si consumano al primo bacio. Il più squisito miele diviene stucchevole per la sua stessa dolcezza, e basta assaggiarlo per levarsene la voglia. Perciò ama moderatamente: l’amore che dura fa così.
(Romeo e Giulietta)

Col tempo finiamo con l’odiare ciò che spesso temiamo.
(Antonio e Cleopatra)

Quanto è più crudele del morso di un serpente l’ingratitudine di un figlio
(Re Lear)

Quando non c’è più rimedio è inutile addolorarsi, perché si vede ormai il peggio che prima era attaccato alla speranza. Piangere sopra un male passato è il mezzo più sicuro per attirarsi nuovi mali. Quando la fortuna toglie ciò che non può essere conservato, bisogna avere pazienza: essa muta in burla la sua offesa. Il derubato che sorride, ruba qualcosa al ladro, ma chi piange per un dolore vano, ruba qualcosa a se stesso.
(Otello)

Folle è chi si fida della docilità del lupo,
della salute di un cavallo,
dell’amore di un ragazzo,
del giuramento di una puttana.
(Re Lear)

Il silenzio è l’araldo più perfetto della gioia: sarei ben poco felice se fossi capace di dire quanto.
(Molto rumore per nulla)

Non sei senza ambizione, ma ti manca la crudeltà che deve accompagnarla.
(Macbeth)

La gloria è simile a un cerchio nell’acqua che va sempre allargandosi, sin quando per il suo stesso ingrandirsi si risolve nel nulla.
(Enrico VI)

Assomiglia al fiore innocente, ma sii il serpente sotto di esso.
(Macbeth)

Se l’amore è cieco tanto meglio: si accorda con la notte.
(Romeo e Giulietta)

Ci sono pugnali nei sorrisi degli uomini.
(Macbeth)

L’amore è vaporosa nebbiolina formata dai sospiri; se si dissolve, è fuoco che sfavilla scintillando negli occhi degli amanti; s’è ostacolato, è un mare alimentato dalle lacrime degli stessi amanti. Che altro è esso? Una follia segreta, fiele che strangola e dolcezza che sana.
(Romeo e Giulietta)

La bellezza tenta i ladri più dell’oro.
(Come vi piace)

L’amore corre ad incontrar l’amore con la gioia con cui gli scolaretti fuggon dai loro libri; ma l’amore che deve separarsi dall’amore ha il volto triste degli scolaretti quando tornano a scuola.
(Romeo e Giulietta)

Con le ali dell’amore ho volato oltre le mura, perché non si possono mettere limiti all’amore e ciò che amor vuole amore osa.
(Romeo e Giulietta)

Chi ha la barba è più che un giovane, e chi non ha barba è meno che un uomo.
(Molto rumore per nulla)

Se ci pungete, non sanguiniamo, e se ci fate il solletico, non ridiamo? Se ci avvelenate, non moriamo? E se ci fate torto, non ci vendicheremo?
(Il mercante di Venezia)

La sostanza degli ambiziosi è l’ombra di un sogno.
Un sogno non è che un’ombra.
Davvero e l’ambizione la ritengo di natura così aerea e leggera da essere soltanto l’ombra di un’ombra.
(Amleto)

Eppure altro non desidero se non ciò che gia’ possiedo; il cuore mio, allo stesso modo del mare, è privo di limiti; e ancora come il mare il mio amore e’ profondo: più te ne do e più ne ho, poiché entrambi sono infiniti
(Romeo e Giulietta)

La sventura fa di un’ora un giorno.
(Riccardo II)

Perché la verità è la verità, sempre la stessa, fino all’infinito.
(Misura per misura)

Se fare fosse facile quanto sapere ciò che va fatto, le cappelle sarebbero chiese e le catapecchie dei poveri palazzi principeschi.
(Il mercante di Venezia)

La bellezza da sola basta a persuadere gli occhi degli uomini, senza bisogno d’oratori.”
(Il ratto di Lucrezia)

Se è un peccato essere avido di onore, allora sarò l’anima più peccatrice di questo mondo.
(Enrico V)

La bellezza tenta i ladri più dell’oro.
(Come vi piace)

Commetti il più vecchio dei peccati nel più nuovo dei modi.

L’amore dei giovani non sta nel cuore, ma negli occhi.
(Romeo e Giulietta)

La brevità è l’anima del senno, e il parlar troppo un fronzolo esteriore.
(Amleto)

I nostri corpi sono i nostri giardini dei quali le nostre volontà sono i giardinieri.
(Otello)

Abbi più di quanto mostri, parla meno di quanto sai.
(Re Lear)

Io oso ciò che è umano; chi osa di più non è uomo.
(Macbeth)

L’uomo morendo salda tutti i debiti.
(La Tempesta)

Eretico sarà chi accenda il rogo, non già colei che vi brucerà dentro!
(Il racconto d’inverno)

Ah, è cosa eccellente possedere la forza d’un gigante, ma usarla da gigante, è tirannia!
(Misura per misura)

È una bella prigione, il mondo.
(Amleto)

Come arrivano lontano i raggi di una piccola candela: così splende una buona azione in un mondo malvagio.
(Il mercante di Venezia)

Pochi amano sentir parlare dei peccati che amano commettere.
(Pericle, il principe di Tiro)

Quand’anche foste casta come il ghiaccio, e pura come la neve, non sfuggireste per questo alla calunnia.”
(Amleto)

Eppure non mi pare peccato imbrogliare colui che spera di vincere barando.

Oh che amore potente!
Che a volte fa di un uomo una bestia,
e altre, di una bestia un uomo.

Se uno passasse un anno intero in vacanza, divertirsi sarebbe stressante come lavorare.
(Enrico IV)

Le azioni dei malvagi non possono sfuggire agli occhi degli uomini. Con tutto il suo sforzo la terra non riesce a nasconderle.
(Amleto)

Giulietta,
la morte ha libato il miele del tuo respiro
ma nulla ha potuto sulla tua bellezza.
(Romeo e Giulietta)

Quando arrivano i dispiaceri, non arrivano come singole spie, ma in battaglioni.

Il diavolo sa ben citare la Sacra Scrittura per i suoi scopi.
(Il mercante di Venezia)

L’ordine è la virtù dei mediocri.

Maestro, vorrei sapere come vivono i pesci nel mare. “Come gli uomini sulla terra: i grandi si mangiano quelli piccoli”
(Péericle, Principe di Tiro)

Le cose senza rimedio dovrebbero essere anche senza interesse.
(Macbeth)

È meglio un imbecille spiritoso che un savio imbecillito.
(La dodicesima notte)

– Orazio! Pensa, con la fantasia noi potremmo seguire tutto il corso della polvere illustre di Alessandro fino a trovarla a fungere da tappo a un barile di birra. Non ti pare?
– Congettura un po’ strana, in verità.
– Niente affatto. Si tratta di seguirla camminando sul filo della logica. Ecco: Alessandro, morto e seppellito, ritorna polvere. Polvere è terra; e con la terra che si fa? La creta. E perché con la creta in che è ridotto non possiamo turare un barilotto?
(Amleto)

Un cavallo! Un cavallo! Il mio regno per un cavallo!
(Riccardo III)

Sei tu sicuro
che siamo svegli? —
Mi sembra
che ancora dormiamo, sogniamo.
(Sogno di una notte di mezza estate)

Non si è mai vista bella donna che non facesse smorfie davanti a uno specchio.

Ah! Com’è amaro guardare la felicità attraverso gli occhi di un altro!
(Come vi piace)

L’uomo che non ha alcuna musica dentro di sé, che non si sente commuovere dall’armonia di dolci suoni, è nato per il tradimento, per gli inganni, per le rapine.
(Il mercante di Venezia)

Noi siamo per gli dei quel che sono le mosche per un ragazzo capriccioso: ci uccidono per divertirsi.
(Re Lear)

E ogni angoscia che ora par mortale, di fronte al perder te, non parrà eguale.

Gli uomini muoiono sempre e i vermi li distruggono, ma non si distrugge l’amore.

Ma quando penso a te, mio caro amico, ciò che era perduto è ritrovato, e ogni dolore ha fine.

Sarai stanco amore, perché è tutto il giorno che cammini nella mia testa.
(Romeo e Giulietta)

Non t’ama chi amor ti dice ma t’ama chi guarda e tace.

La tua virtù è la mia sicurezza.
E allora non è notte se ti guardo in volto,
e perciò non mi par di andar nel buio,
e nel bosco non manco compagnia
perché per me tu sei l’intero mondo.
E come posso dire d’esser sola
se tutto il mondo è qui che mi contempla?
(Sogno di una notte di mezza estate)

Chi si accorcia di vent’anni la vita, accorcia di altrettanto la paura della morte.
(Giulio Cesare)

Gli unicorni possono essere indotti in inganno per mezzo degli alberi; gli orsi per mezzo degli specchi; gli elefanti per mezzo delle buche; i leoni per mezzo delle reti, e gli uomini, infine, per mezzo dell’adulazione.
(Giulio Cesare)

La parte migliore del coraggio è la discrezione.
(Enrico IV)

Non aver paura della grandezza: alcuni nascono grandi, alcuni la conquistano e alcuni la ricevono dall’alto.
(La dodicesima notte)

La colpa, caro Bruto, non è delle stelle, ma nostra, che ne siamo dei subalterni.
(Giulio Cesare)

  • – Cleopatra: “Se è amore davvero, dimmi quant’è”.
  • – Antonio: “È un amore miserabile quello che si può misurare”.
  • – Cleopatra: “Voglio fissare un limite sino al quale essere amata”.
  • – Antonio: “Allora dovrai per forza scoprire nuovo cielo, nuova terra”.

(Antonio e Cleopatra)

  • – Come e dimmi, perchè, sei entrato qui dentro?
  • – Sulle ali leggere dell’amore ho scavalcato questi muri. L’amore non teme ostacoli di pietra. Amore quando a una cosa tende, è ardimentoso e pronto.

(Romeo e Giulietta)

Romeo: “io giuro il mio amore sulla luna.”
Giulietta: “Non giurare sulla luna, questa incostante che muta di faccia ogni mese, nel suo rotondo andare!”
(Romeo e Giulietta)

Il saggio sa di essere stupido, è lo stupido invece che crede di essere saggio.
(Come vi piace)

Parlare in favore della verginità significa accusare vostra madre.
(Tutto è bene quel che finisce bene)

Se i baci fossero l’unico piacere che il letto può dare,
una donna vorrebbe sempre un’altra donna sposare.

La pazzia, signore, se ne va a spasso per il mondo come il sole, e non c’è luogo in cui non risplenda.
(La dodicesima notte)

La moglie del generale è il generale del generale.
(Otello)

I vigliacchi muoiono molte volte prima della loro morte. L’uomo coraggioso non ha l’esperienza della morte che una volta sola. Di tutte le meraviglie che ho sentito fino ad oggi, la più strana mi sembra quella che gli uomini dovrebbero temere, vedendo quella morte, una fine necessaria. Arriverà quando deve arrivare
(Giulio Cesare)

Quando la legge non può far valere i propri diritti, rendete almeno legittimo che la legge non impedisca di infliggere i torti.
(Re Giovanni)

Gli innamorati hanno, come i pazzi, un cervello tanto eccitabile e una fantasia tanto feconda, che vedono assai più cose di quante la fredda ragione riesca poi a spiegare.
(Sogno di una notte di mezza estate)

Chi non ha denaro, mezzi e pace, manca di tre buoni amici.

Guardatevi dalla gelosia, mio signore! E’ un mostro dagli occhi verdi che dileggia la carne di cui si nutre.
(Otello)

Piacere e vendetta sono più sordi delle bisce alla voce di una decisione giusta.
(Troilo e Cressida)

Il tempo avanza a passo diverso con diverse persone. Ti dirò con chi il tempo va d’ambio, con chi il tempo va al trotto, con chi il tempo va al galoppo, e con chi sta fermo.

Non l’amore bisogna dipingere cieco, ma l’amor proprio.

Le più feroci non hanno un cuore come il tuo. Fuggi quando vuoi, e la storia sarà invertita: Apollo scappa e Dafne lo rincorre; la colomba insegue il grifone; la mite cerva corre ad afferrare la tigre. Vana corsa, quando la vigliaccheria ci insegue e la prodezza fugge.
(Sogno d’una notte di mezza estate)

Lascia un commento